Mancanze

Se mi chiedessero cosa mi manca della vita normale darei una risposta molto semplice: le mie amiche ed i momenti insieme a loro.
Questa potrebbe sembrare una risposta banale ma io credo che non lo é per niente.
Fino a poco tempo fa tutto era scontato.
Era scontato andare a scuola e passare la giornata insieme .
Era scontato uscire il sabato sera.
Era scontato approfittare di qualche pomeriggio libero ed andare a prendere un gelato .
Era scontato ricevere un abbraccio nel momento del bisogno .
Era scontata la presenza.
Ed ora? Ora cos’è scontato?
Probabilmente nulla.
In questo periodo molte persone stanno riflettendo a lungo e stanno capendo molto.
I veri affetti emergono, le persone che ci tengono veramente a mostrare la loro presenza lo fanno con tutti i mezzi che hanno a disposizione. Esserci é diventato sinonimo di pubblicare qualche foto, dedicarsi qualche frase, fare delle videochiamate ed inviarsi messaggi ad ogni ora del giorno. Le mancanze di chi veramente conta si sentono e molto , mentre quelle di chi era una presenza precaria ed inutile non appaiono nemmeno per un secondo .
Forse alla fine di tutto si tornerà a vedere il bello anche nelle cose più piccole. In un sorriso, in un gesto di aiuto, in un abbraccio improvviso , in una piccola attenzione.
Forse daremo attenzione a chi veramente prova qualcosa per noi ma che abbiamo fino a poco tempo fa ignorato , reputando la sua presenza anche a tratti troppo asfissiante.
Oppure nulla cambierà e tutti torneremo ad essere materialisti, a dare le cose per scontato, a stare al cellulare durante un’uscita con gli amici, a rifiutare gli abbracci e a nasconderci dietro un muro per il mancato coraggio di rivelare le nostre emozioni.
Io spero nel cambiamento e lo spero davvero , con tutta me stessa.
Magari questa volta diventeremo veramente delle persone migliori e riusciremo a capire la fortuna dell’avere delle spalle su cui poter contare davvero.
-F.M. 🥀
#mancanze

L’ispirazione.

La  musica é sempre stata una delle mie fonti d’ispirazione preferita .
Credo fortemente che aiuta a far emergere quelle parti di noi stessi che tendiamo a nascondere a noi ma soprattutto agli altri.
Ma si sa, fuggire da se stessi  non é mai la soluzione .

E così, basta mettere un paio di cuffiette e chiudere per alcuni secondi gli occhi e come per magia i ricordi appaiono vividi davanti ai nostri occhi . Ci si perde in un mondo parallelo che a tratti sembra quasi reale. E perché no, alcune volte ci si culla sulle parole di quella canzone immaginando il futuro. Chi non pensa a se stesso e a ciò che farà tra cinque , dieci o magari venti anni?

É proprio così che inizio a scrivere. Premendo play e lasciandomi cullare da quelle note che mi fanno evadere dalla realtà che a volte é troppo pesante da sostenere . 

F.M

Hi, I’m back

Chi lo avrebbe mai detto.. In un pomeriggio qualsiasi improvvisamente ho avuto un lampo , mi sono ricordata di avere un piccolo blog tutto mio. A distanza di circa tre anni dalla prima volta in cui ho pubblicato qualcosa mi ritrovo di nuovo qui. Adesso ho diciotto anni, qualche esperienza in più sulle spalle e il futuro pronto ad accogliermi. Avevo diverse cose in programma ma è risaputo che tutto può succedere. Così mi ritrovo su una sedia ad osservare il mondo esterno che sembra quasi un film messo in pausa , lockdown totale per via di una pandemia che si pensava fosse meno disastrosa. Con tutti i lati negativi che essa può avere forse ce ne sono di positivi. Forse si riscoprirà la vera bellezza di un abbraccio, di un gesto di affetto, di un pomeriggio con gli amici. Oggi penso questo: mai per caso nulla accade . Forse è realmente così. Forse dovremmo premere il tasto reset e ricominciare a vivere, vivere davvero, la vita reale fatta di emozioni, coraggio, umiltà. Forse.

F.M

Dopo una piccola pausa e mille impegni eccomi qui. Sono molto impegnata ultimamente, tra studio ed altre mille cose , ed inoltre tra meno di due mesi partirò per andare in Belgio, per uno scambio culturale.

In effetti viaggiare è un’altra delle mie passioni. Adoro catapultarmi in culture e tradizioni diverse da quelle che vengono utilizzate nel mio paese e credo che questa sia una cosa molto utile per tutti.

A presto.

Delusione.

“Niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione. Perché la delusione è un dolore che deriva sempre da una speranza svanita, una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita cioè dal voltafaccia di qualcuno o qualcosa in cui credevamo. E a subirla ti senti ingannato, beffato, umiliato”.

“Oriana Fallaci.”

Non è mio solito utilizzare citazioni quando scrivo ma questa volta ho dovuto. La delusione è uno dei sentimenti che più spezzano una persona. Spezzano totalmente una persona , come quando si prende un grissino e lo si spezza in due. Spesso le persone attribuiscono a tante cose la parola delusione, ma cos’è veramente una delusione?. Cos’è? .

Hi, I am me

“Questo è il tuo primo articolo”. Una frase davvero carina da sentirsi dire.Ho 15 anni e mezzo, adoro i libri e la musica ma sopratutto adoro scrivere. Certo non sono di certo Jane Austen o  Virginia Woolf , ma l’idea di avere un blog tutto mio dove scriverò solo e soltanto cose che provengono da me è davvero entusiasmante. Ho diverse passioni e tra queste c’è anche una piccola fissazione per la fotografia. Personalmente credo che immortalare i momenti è importante perché le foto sono ricordi e con ogni foto  è possibile catapultarsi nel passato e cercare di rivivere quei momenti. Diciamo che sono una specie di “macchina del tempo indelebile”. Dimostro molto di più della mia età secondo la maggior parte delle persone che mi conoscono , sia fisicamente che mentalmente , ma io infondo sono pur sempre una semplice adolescente come tutte le altre che tra pochi giorni inizierà il suo terzo anno di scuola superiore. Nulla di così tanto speciale o diverso. Una semplice e noiosa ragazzina.